Cremona rimozione eternit

cremona bonifica amianto

Cremona rimozione eternit

Documentazione tratta dal sito del comune di Cremona.

Segnalazione presenza amianto

Il Piano Regionale Amianto (PRAL) stabilisce i nuovi criteri per valutare le condizioni delle coperture in cemento amianto, al fine di individuare gli interventi (monitoraggio o bonifica) che il proprietario dell’immobile e/o il responsabile dell’attività che in esso si svolge, dovrà attuare. Nel contempo fissa l’eliminazione entro il 2016 dell’amianto presente negli ambienti di vita e di lavoro, con lo scopo di promuovere la salvaguardia del benessere delle persone e della loro salute.

Destinatari del servizio:

tutti i cittadini che sospettino la presenza di amianto in un immobile

Come accedere al servizio:

Il cittadino che voglia segnalare la presenza di amianto in un fabbricato, (di matrice compatta come ad es: eternit) può presentare una segnalazione scritta nella quale venga però ben specificato l’immobile in cui potrebbe esserci presenza di amianto.

La segnalazione dovrà essere firmata e contenere i recapiti della persona segnalante.

Una volta ricevuta la segnalazione, l’Ufficio Ecologia, in attuazione delle norme statali e regionali, invita il proprietario a presentare la seguente documentazione:

– la documentazione prevista dal D.M. 6 settembre 1994;
– le informazioni previste dall’Allegato 4 del Piano Regionale Amianto Lombardia;
– la valutazione dello stato di conservazione delle coperture in cemento amianto prevista dall’allegato A del D.g.r. Sanità n.13237 del 18 novembre 2008 (valutazione del rischio).

La documentazione dovrà essere sottoscritta da personale qualificato (quale ad es. tecnico con patentino regionale per l’amianto, responsabile di servizio prevenzione e protezione, ingegnere civile, architetto, geometra).

In base alla valutazione del rischio presentata dal proprietario attraverso l’indice di degrado (ID), verrà individuato l’intervento da attuare (rimozione o incapsulamento):

– ID inferiore o uguale a 25 nessun intervento di bonifica e riesame con frequenza biennale
– ID compreso tra 25 e 44 esecuzione della bonifica entro 3 anni
– ID uguale o maggiore di 45 rimozione della copertura entro i successivi 12 mesi.

Video in cui si parla del problema amianto a Cremona.

Amianto a Cremona: “Istituzioni sorde”

Cremona è una città con ancora una alta percentuale di coperture in amianto (eternit).

La bonifica di questo materiale doveva avvenire entro il 15 Gennaio 2016 ma ad oggi i lavori di bonifica sono ancora in forte ritardo complice anche la crisi mondiale.

Gli incentivi governativi non sembra diano un grosso contributo, specialmente alle aziende, a risolvere questa problematica.

Però la copertura in amianto dopo circa 40 anni che è stata posata inizia a presentare grossi problemi di tenuta dalle infiltrazioni d’acqua ed inoltre lavori di manutenzione sui tetti provocano irreparabilmente rotture per camminamento delle stesse.

Quando una lastra di eternit presenta una rottura non vi è alcun modo di poterla rendere impermeabile se non con la sua sostituzione.

Eseguire sostituzioni parziali delle coperture di cemento amianto hanno dei costi elevati in quanto si devono attivare, in ogni caso, tutte le procedure e permessi verso gli organi competenti e precisamente:

  • Piano di lavoro presso la ASL competente.
  • Allestimento di misure di sicurezza contro le cadute dall’alto.
  • Noleggio di attrezzature atte alla movimentazione dei materiali da e verso la copertura.
  • Incapsulamento preventivo della superficie in cemento amianto oggetto dai lavori e per tutta l’area di calpestio per evitare liberazione di fibre d’amianto nell’ambiente circostante.

I costi di queste prime procedure sono tali per cui non risulta conveniente economicamente sostituire parzialmente una copertura in cemento amianto.

Si deve quindi sempre optare per una bonifica dell’amianto risolutiva che vada ad eliminare completamente il manufatto.

Località dove eseguiamo la bonifica di amianto:

Acquanegra Cremonese, Agnadello, Annicco, Azzanello, Bagnolo Cremasco, Bonemerse, Bordolano, Ca’ d’Andrea, Calvatone, Camisano, Campagnola Cremasca, Capergnanica, Cappella Cantone, Cappella de’ Picenardi, Capralba, Casalbuttano ed Uniti, Casale Cremasco-Vidolasco, Casaletto Ceredano, Casaletto di Sopra, Casaletto Vaprio, Casalmaggiore, Casalmorano, Castel Gabbiano, Casteldidone, Castelleone, Castelverde, Castelvisconti, Cella Dati, Chieve, Cicognolo, Cingia de’ Botti, Corte de’ Cortesi con Cignone, Corte de’ Frati, Credera Rubbiano, Crema, Cremona, Cremosano, Crotta d’Adda, Cumignano sul Naviglio, Derovere, Dovera, Drizzona, Fiesco, Formigara, Gabbioneta-Binanuova, Gadesco-Pieve Delmona, Genivolta, Gerre de’ Caprioli, Gombito, Grontardo, Grumello Cremonese ed Uniti, Gussola, Isola Dovarese, Izano, Madignano, Malagnino, Martignana di Po, Monte Cremasco, Montodine, Moscazzano, Motta Baluffi, Offanengo, Olmeneta, Ostiano, Paderno Ponchielli, Palazzo Pignano, Pandino, Persico Dosimo, Pescarolo ed Uniti, Pessina Cremonese, Piadena, Pianengo, Pieranica, Pieve d’Olmi, Pieve San Giacomo, Pizzighettone, Pozzaglio ed Uniti, Quintano, Ricengo, Ripalta Arpina, Ripalta Cremasca, Ripalta Guerina, Rivarolo del Re ed Uniti, Rivolta d’Adda, Robecco d’Oglio, Romanengo, Salvirola, San Bassano, San Daniele Po, San Giovanni in Croce, San Martino del Lago, Scandolara Ravara, Scandolara Ripa d’Oglio, Sergnano, Sesto ed Uniti, Solarolo Rainerio, Soncino, Soresina, Sospiro, Spinadesco, Spineda, Spino d’Adda, Stagno Lombardo, Ticengo, Torlino Vimercati, Tornata, Torre de’ Picenardi, Torricella del Pizzo, Trescore Cremasco, Trigolo, Vaiano Cremasco, Vailate, Vescovato, Volongo, Voltido